Cenni storici

Si racconta che a Leonberger, ridente cittadina tedesca, nella  regione sveva, abbia avuto inizio l’allevamento di questa stupenda razza canina.

La creazione del Leonberger è dovuta all’idealismo e perseveranza ostinata del suo pioniere Heinrich Essig, messo comunale, che visse a Leonberg dal 1808 al 1889. 

 

I suoi tentativi, che non si possono attualmente stabilire con certezza, erano rivolti a voler creare un cane simbolo della sua città natale, che assomigliasse il più possibile al leone rappresentato sullo stemma  comunale.

Accoppiò la sua femmina di Terranova bianco-nero, con un cane San Bernardo a pelo lungo. In seguito inserì nei suoi incroci un maschio di Montagna dei Pirenei alto e robusto. Il primo vero esemplare simile nei tratti somatici e caratteriali che Essig esigeva, sarebbe nato nel 1846.

Durante un’esposizione canina in occasione dell’Oktober Fest di Monaco, verso la fine degli anni 1860, vennero presentati dei cani dell’allevamento di Essig, la stampa si espresse definendolo “…    il più bello di questi cani era giallo-bruno con sfumature nere, quasi come un leone ed ad esso assomigliante anche nella maestosa figura…”

In quegli anni anche la stampa austriaca parlò di questo cane, visto che l’imperatrice Elisabetta  ne possedeva un esemplare.

Fu prediletto anche da Edoardo VII principe del Galles, da re Umberto I, 

da Giuseppe Garibaldi e Riccardo Wagner.